Quante balle sul referendum costituzionale (18 in 30 minuti)

EDIT 30/08/2016: Il Foglio ha pubblicato (inaspettatamente!) uno stralcio di questo post nella sua versione cartacea di sabato 27 agosto, eccolo qui.


Come forse qualcuno di voi saprà, il deputato Alessandro Di Battista – uno dei leader del Movimento 5 Stelle – ha deciso di girare l’Italia con uno scooter per spiegare le ragioni del No alla riforma costituzionale. Benissimo diranno alcuni, finalmente si entra nel merito delle questioni. Così potrebbe sembrare, fino a che non si ascolta uno dei comizi del deputato in giro per l’Italia. Trenta minuti pieni zeppi di slogan, di urla, di risposte populiste e demagogiche e di vere e proprie mezze bugie. Non dimentichiamoci d’altronde che Di Battista era entrato con tutti gli onori nella classifica globale del New York Times sulle bugie più imbarazzanti del 2014.

Quindi chiediamoci: ha davvero senso organizzare una campagna referendaria di questo tenore? Di ragioni per votare No al referendum costituzionale ve ne sono, legittime ed alcune persino condivisibili. Perché abbandonarsi agli slogan? Si ritengono forse troppo difficili e complicate per il “popolo” le argomentazioni tecniche e contenutistiche?

Sull’esempio dell’ottimo sito di fact-checking Pagella Politica, ho così deciso di analizzare minuto per minuto il comizio di Di Battista a Orbetello dello scorso 7 agosto, prima tappa del tour coast-to-coast che lo aspetta, evidenziando le falsità e mezze bugie (con vari gradi di gravità: bufala – bugia – mezza bugia – mezza verità) e pure alcune tra le più palesi contraddizioni (distinguendo fra le due: le prime sono chiare oggettive, le seconde invece dipendono dalla sensibilità di ciascuno). Certo, l’autore (cioè il sottoscritto) è di parte ed ha una chiara idea che risalta in vari passaggi. Per questo ho inserito le fonti delle risposte e per questo ciò che vi consiglio è di leggervi il testo della riforma costituzionale e di non fidarvi di nessuno, men che meno del sottoscritto. Il dubbio è la migliore arma per informarsi. Ecco dunque cosa ne è venuto fuori.

BUGIA 0:19[…] Premier non eletto da nessuno […]” – questo ormai è un cult. È necessario tuttavia far notare che la Costituzione italiana prevede una Repubblica parlamentare, in cui il Presidente del Consiglio viene nominato dal Presidente della Repubblica e successivamente fiduciato dal Parlamento. Lo enuncia l’articolo 94 della Costituzione italiana, che non è oggetto di modifiche in sensi differenti dalla riforma costituzionale.

BUGIA 1:26“[…] l’obbligo di discussione delle leggi di iniziativa popolare (cosa sono) in Parlamento […]” – si tratta di una delle modifiche proposte dalla riforma costituzionale, benché Di Battista sembri ignorarlo. La trovate al nuovo articolo 71 della Costituzione.

BUGIA 1:27 “[…] referendum propositivo […]” – altra novità della riforma costituzionale, che il deputato Di Battista spaccia per una proposta del Movimento. La trovate sempre al nuovo articolo 71.

BUGIA 1:30 “[…] referendum con quorum più basso, per ascoltare i cittadini […]” – come le precedenti, altra novità della riforma costituzionale che prevede un quorum più basso per i referendum abrogativi (cosa sono) che raggiungono le 800 000 firme raccolte. Secondo il nuovo articolo 75 (e non art. 71 come precedentemente ed erroneamente indicato, grazie a Emanuele Falzarano per la precisazione).

MEZZA BUGIA 1:49 “Pensate che modificando la Costituzione hanno inserito la possibilità ai cittadini di abolire le pensioni d’oro, con un referendum di abolire Equitalia o con un referendum di proporre il reddito di cittadinanza? Assolutamente no” – come Di Battista sa ma non dice, per attuare queste novità costituzionali servirà una legge ordinaria, come è servita per attuare le disposizioni costituzionali del 1948 sui referendum abrogativi (cioè la legge 352/1970). Ogni dettaglio sarà chiarito una volta approvata tale legge, non certamente oggi come il deputato fa furbescamente apparire.

MEZZA BUGIA 3:25-3:55“Questi hanno cambiato la Costituzione essendo alla Camera dei Deputati abusivi e incostituzionali” […] “La Consulta quando bocciò il Porcellum disse: <<Questo Parlamento è di fatto abusivo, deve fare il minimo indispensabile, deve fare una nuova legge elettorale e poi portarci ad elezioni>>” – eccoci ad uno dei picchi della mistificazione di Di Battista. Nel suo discorso si riferisce alla pronuncia della Corte Costituzionale (cosa è) in riferimento alla vecchia legge elettorale, considerata incostituzionale. Tuttavia la Corte nella sua sentenza (n. 1/2014) ha chiarito che questa decisione non avrà alcun effetto sulle decisioni prese in passato e in futuro dal Parlamento, sebbene questo fosse stato eletto con una norma considerata incostituzionale. Cito: “È pertanto fuori di ogni ragionevole dubbio – è appena il caso di ribadirlo – che nessuna incidenza è in grado di spiegare la presente decisione neppure con riferimento agli atti che le Camere adotteranno prima di nuove consultazioni elettorali.” Per il fatto che alcuni giuristi (non molti) sostengono la tesi di Di Battista, si becca solo una “mezza bugia”.

BUFALA 3:30 – “Il Partito Democratico ha preso meno voti del Movimento 5 Stelle (alle elezioni politiche del 2013)” – altra balla senza se e senza ma, come ben spiega Il Post nel 2013 alle elezioni politiche il PD ottenne 8 932 615 voti contro i 8 784 499 del Movimento 5 Stelle. Se non vi fidate controllate pure i dati ufficiali del Ministero dell’Interno.

BUGIA 3:54“Costoro hanno cambiato la Costituzione da soli, a colpi di maggioranza” – ecco una nuova imprecisione: nei primi passaggi ma comunque per diversi mesi la riforma della Costituzione è stata votata e condivisa anche da Forza Italia. Ad esempio il Senato il 7 agosto 2014 ha approvato la riforma con 188 voti a favore, 33 contrati e 9 astenuti; parliamo quindi di più dell’81% a favore, non proprio una maggioranza ristretta.

CONTRADDIZIONE 4:07“Se personaggi come Verdini (chi è) che hanno più condanne che elettori sostengono il fronte del Sì un motivo ci sarà” – (questa, lo sottolineo, è una mia riflessione personale, non un fact checking delle dichiarazioni del deputato) Riiniziamo a giocare a chi sostiene cosa? Nei mesi scorsi i fronti del Sì e del No si sono dilaniati sulla questione, soprattutto dopo una dichiarazione (per me, fuori luogo) della Ministra Boschi che faceva notare come nel fronte del No comparisse anche CasaPound. Forse è meglio discutere del merito della riforma invece che soffermarsi su polemiche sterili come questa, che evidenziano endorsement imbarazzanti da una parte e dall’altra.

CONTRADDIZIONE 5:12“Mentre la Boschi, oggi credo che sia a Pistoia, figuratevi le scorte, incredibile no, ci sono più poliziotti che cittadini ad ascoltarla, anzi ci sono quelli fuori che le uova gliele vorrebbero tirare addosso” – Altra mia riflessione, perdonatemi: se ci sono cittadini che vogliono tirare le uova a un personaggio pubblico – politico o no – forse è meglio che la scorta ci sia per mantenere l’ordine pubblico.

MEZZA VERITA’ 5:52“A Viareggio dove c’è stata quella strage (che strage?) che rimarrà impunita perché costoro non hanno mai modificato le leggi vergognose di Berlusconi sulla prescrizione (cosa è)” – non è proprio così. La Camera dei Deputati ha approvato la riforma della prescrizione il 24 marzo 2015, ora si dovrà attendere l’esame del Senato. Per puntualizzare: se la riforma costituzionale fosse legge oggi, abolendo il bicameralismo paritario (cosa è) e quindi l’infinito ping pong tra le due camere, oggi questo provvedimento sarebbe già in vigore.

BUGIA 7:11“Questi sono i personaggi che seguono il Piano di Rinascita Democratica di Licio Gelli (cosa è), perché le riforme costituzionali di Renzi-Boschi-Verdini questo vogliono fare” – il Piano di Rinascita Democratica prevedeva si una riforma del bicameralismo paritario (“ripartizione di fatto, di competenze fra le due Camere, con la funzione politica alla Camera dei Deputati e la funzione economica al Senato della Repubblica”) ma non nel senso della riforma costituzionale attuale. Anche in questo caso Di Battista fa disinformazione.

CONTRADDIZIONE 7:16“Flavio Carboni (chi è) era lo stesso che papà Boschi (il padre della Ministra delle Riforme Costituzionali Maria Elena Boschi) incontrava di nascosto per chiedere consigli” – forse le colpe dei padri ricadono sui figli? Non certo in un paese democratico come l’Italia, in cui al deputato Di Battista è legittimamente permesso fare politica attiva nonostante il padre sia dichiaratamente fascista (come mostra questo video), e per fortuna.

CONTRADDIZIONE 10:02“È fondamentale la comprensione di un testo, perché quando c’è confusione ci sono acque torbide, e quando ci sono acque torbide i truffatori pescano meglio, è normale!” – finalmente Di Battista torna al merito della riforma costituzionale. La chiarezza e la semplificazione normativa sono tuttavia cavalli di battaglia della riforma costituzionale, grazie alla maggiore velocità del procedimento legislativo e alla diminuzione dei passaggi parlamentari e burocratici necessari per approvare una legge. Come scrissi qualche tempo fa in questo post, questo potrebbe proprio essere un effetto positivo della riforma: “In questo modo i processi decisionali potranno diventare più snelli, veloci e trasparenti […], elementi che a detta degli esperti sono condizioni per la riduzione del clientelismo ed in ultima istanza della corruzione.”

MEZZA BUGIA 10:115 – 16:43 – In questo minutaggio Daniela, una volontaria, legge il nuovo articolo 70 della Costituzione proposto dalla riforma. Si tratta dell’articolo che illustra il nuovo procedimento legislativo, cioè il modo in cui verrà approvata una legge nel caso in cui vincesse il Sì al referendum. Di Battista – come tanti altri esponenti del No – evidenzia in modo critico la lunghezza del testo e la sua complessità tanto da chiedere al pubblico se qualcuno abbia compreso il significato. È tuttavia palese che se si vuole differenziare il ruolo di Camera e Senato – per abolire il bicameralismo paritario – è necessario spiegare nel dettaglio cosa fa uno e cosa fa l’altro. Questo, ovviamente, richiede ben più parole che scrivere semplicemente “La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere”, come prevede l’attuale Costituzione. In conclusione, il procedimento si fa più complicato? Sì. Sarà più difficile seguire i lavori del Parlamento? Sì. Ma quando si parla di leggi il punto non è tanto la complessità, quanto la chiarezza; e il nuovo articolo 70 è un capolavoro in questo. Per dimostrarlo ho deciso di spiegarlo a mie parole: se riesce a comprenderlo uno studente di 20 anni avranno forse difficoltà i giuristi e gli esperti del Parlamento? Non credo proprio. Qui trovate il testo del nuovo articolo e qui la mia spiegazione a parole semplici.

MEZZA VERITA’ 10:54“Quei rimborsi elettorali che il Movimento 5 Stelle non tocca” – vero, il Movimento 5 stelle ha rinunciato nel 2013 ai rimborsi elettorali che gli erano dovuti, in tutto 42 782 512,50 €. Un gesto che va riconosciuto e per cui vanno applauditi; tuttavia gli esponenti di M5S si dimenticano di ricordare come una legge del governo Letta, nel 2013, abbia abolito completamente e in modo strutturale i rimborsi elettorali ai partiti dal prossimo anno e previsto forme di finanziamento che i cittadini potranno attivare volontariamente; qui un approfondimento per gli interessati. Inoltre all’epoca del rifiuto da parte di M5S dei 42 milioni di € di rimborsi, il Movimento non ne avrebbe avuto diritto per via della mancanza di uno statuto pubblico (come indicatomi da @mmpbowen). Quindi una nuova mezza verità per Di Battista.

MEZZA BUGIA 13:25“Pensate che il Senato è stato abolito? No, il Senato resta, sono stati aboliti i cittadini che votano” – eccolo un altro slogan demagogico. Col nuovo Senato infatti i cittadini potranno dare un mandato molto più forte ed influente alla Camera ed al Governo, mentre i senatori verranno eletti “in conformità alle scelte espresse dagli elettori” (come recita il nuovo articolo 57) tra i consiglieri regionali, eletti con preferenze. Inoltre in Gran Bretagna, in Francia e in Germania sono previste camere alte – come è il Senato – elette non direttamente dai cittadini ma da loro rappresentanti. Di Battista forse pensa che questi stati funzionino peggio e siano meno democratici dell’Italia? Se è così, lo dica.

BUGIA 17:45“Il Senato non sarà eletto da nessuno” – vedi la risposta precedente.

CONTRADDIZIONE 18:10 – (i senatori) “potranno loro mettere mano alla Costituzione, cioè una futura modifica della Costituzione potrà passare solo attraverso questo nuovo Senato non eletto da nessuno che dovrebbe autolimitare questi poteri o auto intervenire su sé stesso. Questo significa mettere la pietra tombale sulla possibilità di inserimento in futuro nella Costituzione di norme che vogliono tutti gli italiani” – qui proprio il discorso di Di Battista non si comprende. Perché mai dovrebbe essere la pietra tombale? Il fatto che il nuovo Senato avrà competenza sulle revisioni costituzionali è una forma di garanzia rispetto a modifiche della Costituzione affrettate e non condivise. Se i senatori attuali hanno votato per autoabolirsi (da 315 passeranno a 100, senza stipendio), tutto è possibile.

BUFALA 18:35“Il dimezzamento delle diarie, che sono 10 000 € lordi, noi vogliamo dimezzarle. Così si interviene sui costi della politica. Sappiate che se vincerà il Sì non si potrà più modificare la Costituzione.” – 1) le diarie (cosa sono) non sono in Costituzione, ma nei regolamenti delle camere; 2) per la confutazione dell’eventuale impossibilità futura di modifica costituzione, leggi sopra.

BUGIA 19:30“Ci hanno dato lo zuccherino del bonus 80 € (cosa è) e poi hanno fatto il Jobs Act (cosa è) che ha distrutto di fatto il lavoro, il diritto costituzionale al lavoro”– distrutto il diritto al lavoro?! Ecco i dati Istat, quelli veri.

Immagine
Dati Istat sull’occupazione in Italia da giugno 2015 a giugno 2016. Valori in milioni.

 

BUFALA 19:50 * – “E contemporaneamente fregatura attraverso l’innalzamento delle tasse oppure la prosecuzione del lavoro di Equitalia” – ancora una volta i dati Istat dicono altro caro Di Battista: la pressione fiscale in Italia era al 43,5 % nel 2012, al 43,4 % nel 2013, al 43,1 % nel 2014 (secondo il Ministero dell’Economia).

CONTRADDIZIONE 22:03“Qui accettiamo il bonus di qualche senatore in meno, in cambio del diritto di votare il Senato” – come già dimostrato, diritto che non esiste in paesi come Gran Bretagna, Francia e Germania. Siamo davvero più democratici di questi paesi? Il Senato non si eleggerà più tramite suffragio universale perché viene ampiamente depotenziato, a partire dal voto di fiducia al Governo che non gli è più conferito.

MEZZA BUGIA 22:11 – “Il tutto fatto da maggioranza abusiva e incostituzionale” – vedi risposta del minuto 3:25-3:55.

BUGIA 22:18“L’hanno modificata a colpi di maggioranza” – ancora, vedi la risposta del minuto 3:54.

CONTRADDIZIONE 23:21 “Questo articolo 70 aprirà a quelli che vengono chiamati conflitti di attribuzione, cioè litigate tra un presidente della Camera e quello del Senato” – in realtà su questo punto il dibattito fra i costituzionalisti è aperto. Infatti la divisione delle competenze del Senato e della Camera è stata effettuata seguendo le tipologie legislative, e non le materie, che altrimenti aprirebbero si a rischi di confusione e litigi. Si tratta di una differenza giuridica sostanziale, che ho tentato di spiegare nell’illustrazione a mie parole del nuovo articolo 70, qui.

BUFALA 23:52“Una vera legge anti-corruzione, non la buffonata che hanno fatto con Verdini” –  questa è proprio una balla. Quando è stata approvata la legge anti-corruzione (cioè la legge 69/2015) il gruppo parlamentare creato da Denis Verdini dopo la fuoriuscita da Forza Italia non era ancora nato – verrà presentato due mesi dopo – ed i suoi componenti iniziali (Barani, Mazzoni, Longo, Compagnone, D’Anna, Falanga, Conti, Langella, Scavone, oltre a Verdini) non votarono a favore di quella legge, al di fuori di Pietro Langella. Potete controllare voi stessi qui, sull’ottimo sito OpenParlamento.

In conclusione ci tengo a rispondere all’ultima accusa del deputato Di Battista, la più importante, per cui questa riforma indebolirebbe o addirittura abolirebbe la sovranità popolare. Ne siamo sicuri?

14040149_934804363298295_7400156416237283787_n
Il casco del tour di Di Battista.

 

Questa riforma costituzionale, che io vi consiglio nuovamente di leggere da cima a fondo (qua il testo), insieme alla legge elettorale Italicum (cosa è), garantisce una maggioranza stabile e certa già la sera delle elezioni. Sarà molto più improbabile lo scenario per cui i partiti devono accordarsi e allearsi dopo le consultazioni elettorali per formare un governo di larghe intese, come accaduto nel 2013 (cosa era accaduto). Scenari che sono causati dall’unica differenza tra Camera e Senato prevista dalla Costituzione attuale: un differente metodo di elezione, la Camera su base nazionale, il Senato su base regionale. Ciò porta e ha portato in passato a una doppia espressione da parte del popolo, ugualmente forte e ugualmente legittima, che si sostanzia in maggioranze differenti tra Camera e Senato. Differenze che vanno colmate e su cui i partiti devono successivamente mediare, per formare un governo (non a caso ne sono stati fatti e disfatti 64 in 68 anni di Repubblica, con una durata media di poco più di 1 anno). Con la riforma costituzionale invece – questa è la mia opinione – l’espressione popolare sarà chiara, permetterà l’elezione di un governo per 5 anni, responsabile agli occhi degli elettori e che potrà essere premiato o castigato nelle elezioni successive, sulla base dei risultati raggiunti: in sostanza rafforza – e non poco – la sovranità del popolo. Quella che ci viene proposta è una riforma per attuarla davvero la nostra Costituzione, i suoi principi e i suoi valori.

P.S.: poiché sono in molti a dubitare della personale onesta intellettuale di chi scrive, vorrei segnalare questo post su facebook di Luigi Di Maio, più di un anno fa. Qui è raccontata tutta la storia, per chi è curioso.


* Purtroppo per quanto riguarda la pressione fiscale del 2015 non ho trovato dati attendibili. In caso contrario aggiornerò il post.

Annunci
Quante balle sul referendum costituzionale (18 in 30 minuti)